Chiusure domenicali, Sala a Di Maio: “Le facessero ad Avellino, qui a Milano non ci rompano le palle”

Negozi chiusi la domenica? “Lo facessero ad Avellino, qui a Milano non ci rompano le palle”. Di certo il sindaco Beppe Sala non ha usato giri di parole per rispedire al mittente la proposta che piace al vicepremier Luigi Di Maio. Il quale ha ricambiato le parole del primo cittadino con queste altre: “Chi lavora ha il diritto a non essere più sfruttato. Questo rompe le palle a un sindaco fighetto del Pd? E chi se ne frega!”.Da registrare anche le reazioni di Clemente Mastella, sindaco di Benevento (“Sono indignato come meridionale per le parole a vanvera e poco dignitose del collega Sala che spero chieda scusa alla città di Avellino”) e del ministro dell’Interno Matteo Salvini che definisce “irrispettose” le parole di Sala e dice: “Se fossi il sindaco, più che occuparmi di governo o di Avellino mi occuperei di alcune zone della mia città, assolutamente fuori controllo”.

rep

A Milano il tema degli orari in una città sempre più turistica e internazionale è uno dei fronti che la giunta sta affrontando. Riaprendo il dossier del Piano territoriale degli orari, che punta a garantire una migliore conciliazione tra i tempi della vita e quelli del lavoro. Il primo test sarà fatto all’Isola, un quartiere dove Palazzo Marino sperimenterà i nuovi orari più sostenibili e flessibili. 

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.