Nuova maturità, i dubbi degli studenti di Milano: “La doppia materia per la seconda prova decisa tardi”

Tutti sorpresi per le materie di seconda prova di maturità annunciate dal Ministero. La maggior parte degli studenti di Milano scuote la testa. “Sono sbigottito, è più pesante degli altri anni”, commenta Fabio Colombi che frequenta il quinto anno al liceo classico Parini. “Siamo increduli, sorpresi e presi dallo sconforto. Questa prova sembra un po’ come riempire un pentolone con tanti argomenti”, dice Nicolas Seegatz del Manzoni. La decisione del Miur per il liceo classico prevede sia latino che greco e l’annuncio, lamentano gli studenti “è arrivato tardi”. E’ d’accordo Alessandra Bossoni e i suoi compagni del Beccaria e poi, ammette, “speravamo che per quest’anno uscisse solo latino”.

Ma non tutti sono scontenti. E’ una prova “più stimolante” che prevede “sia la traduzione che il confronto con un altro testo”, dice Claudia Morbidini del Parini. Rappresenta una “rottura della tradizione, la generazione sta cambiando. Mi piace ed è molto meno noiosa della solita traduzione”, concorda Alessandro Ungureanu, del Tito Livio. Certo, dicono i ragazzi dei vari licei, “si tratta di entrare in una nuova forma mentis e di prepararci a una prova diversa”. Ancora più dura la reazione dei ragazzi del liceo scientifico, che affronteranno una prova mista di matematica e fisica. “Abbiamo avuto un cambio d’ora abbastanza confuso quando hanno annunciato le materie, siamo sconfortati”, dice Andrea Galassini del Volta. “Sono perplesso sulla decisione di cambiare in corso d’opera la prova senza dare indicazioni precise, il percorso che abbiamo fatto non ci prepara”.

L’idea generale è che “bisognerebbe riscrivere il programma del triennio per arrivare pronti ad affrontare questa prova in modo adeguato”, commenta Filippo Gianoglio del Vittorini. “Penalizzerà gli studenti che puntano a un voto alto”. E’ d’accordo Leonardo Spreafico del liceo scientifico Einstein, che ritiene che “il problema di fisica sia la parte più difficile” e che per affrontare bene la prova, senza accontentarsi della sufficienza, “servirebbe una preparazione ad hoc”. Il tempo rimasto non basta, “questa novità necessiterebbe proprio un cambio di percorso scolastico, difficile da fare ora”.
social experiment by Livio Acerbo #greengroundit #repubblicait http://milano.repubblica.it/cronaca/2019/01/18/news/nuova_maturita_milano_studenti_superiori_milano-216882548/?rss