Stendardo delle Ss e motto nazista al Campo 10: “Manifestazione del pensiero garantita dalla Costituzione”

Avevano urlato il motto nazista ‘Sieg Heil’ esponendo uno stendardo dell’associazione combattenti 29esima divisione granatieri ‘Waffen-SS’, ma per il tribunale di Milano non hanno commesso un reato: è’ stata una “manifestazione del pensiero, costituzionalmente garantita”, che non ha attentato alla “tenuta dell’ordine democratico”. I fatti risalgono al 24 aprile 2016 quando al cimitero di Musocco a Milano c’era stata la cerimonia di commemorazione dei caduti di Salò, quella che si svolge ogni anno – nonostante divieti e proteste – al Campo 10. Alessandro Botrè, 30 anni, Alessio Poliranno, 43 anni, e Liliane Tami, 27 anni, avevano preso parte alla manifestazione gridando il motto nazista e mostrando il labaro delle SS e per questo erano finiti a processo per violazione dell’articolo 5 della legge Scelba che sanziona chi compie manifestazione del disciolto partito fascista e delle organizzazioni naziste: a febbraio la settima sezione penale del tribunale di Milano li aveva assolti, adesso arrivano le motivazioni, firmate dalla giudice Maria Angela Vita.Milano, reduci fascisti al Campo 10 per l’anti 25 Aprile della destrain riproduzione….
social experiment by Livio Acerbo #greengroundit #repubblicait https://milano.repubblica.it/cronaca/2019/04/04/news/fascismo_25_aprile_milano_motto_nazista_assolti_tribunale_motivazioni-223283247/?rss