Bufera sul Csm, Greco: “Sconcertati dalle logiche romane. Non appartengono ai magistrati del Nord”

Il procuratore di Milano Francesco Greco nel commemorare oggi a Milano Walter Mapelli, il procuratore di Bergamo morto lo scorso aprile, è intervenuto con parole molto dure sulla bufera sul Csm legata dall’inchiesta sull’ex presidente dell’Anm Luca Palamara. E lo ha fatto riferendosi proprio alla nomina di Mapelli alla procura di Bergamo dicendo che quel “mondo che vive nei corridoi degli alberghi e nelle retrovie della burocrazia romana e che non ci appartiene e non appartiene ai magistrati del Nord, ci ha lasciato sconcertati”.

Un mondo che, prosegue il procuratore di Milano, “abbiamo dovuto conoscere, apprendere nelle sue logiche di funzionamento e che ci ha lasciati sconcertati e umiliati, perchè ci chiedevamo: ‘beh, in fondo noi abbiamo lavorato come tanti magistrati, riteniamo che per anzianita’, per meriti, per alcuni risultati ottenuti e per le nostre potenzialità ancora inespresse possiamo fare questo tipo di domande (al Csm, ndr)’ e invece poi capisci che le logiche sono altre”

“Poi, per fortuna le cose sono andate bene (Greco è diventato capo della Procura di Milano e Mapelli di quella di Bergamo, ndr), però ricordo che Walter, come tanti altri magistrati, questo tipo di esperienza non la meritava. Lo dico perchè in questi giorni mi è venuto proprio da pensare a queste chiacchiere con lui”. Greco, che si è commosso più volte nel suo discorso, ha concluso il suo intervento al convegno in aula magna con queste parole: “Walter vive ancora ed è un legame che non finirà mai”.
social experiment by Livio Acerbo #greengroundit #repubblicait https://milano.repubblica.it/cronaca/2019/06/19/news/bufera_sul_csm_greco-229163352/?rss