Milano, biglietto Atm: da lunedì 15 luglio parte il nuovo sistema tariffario dei mezzi. Tutte le novità

Lunedì 15 luglio parte il nuovo sistema tariffario e cambia il trasporto pubblico nella grande Milano per 4,2 milioni di cittadini e 213 Comuni. Tra le principali novità quella del biglietto singolo che passa da 1,50 a 2 euro, ma potrà essere timbrato più volte nei 90 minuti anche in metropolitana, avrà validità su un’area più estesa, non solo a Milano ma anche nei 21 comuni di prima fascia, tra cui Rho Fiera, Sesto San Giovanni, Rozzano, San Donato, Bresso, Bollate, Segrate, Cinisello Balsamo, Vimodrone, Cesano Boscone, Corsico, Settimo Milanese, Novate, Cologno Monzese, Peschiera Borromeo. A favore delle famiglie lo sconto del 50 per cento sul costo dell’abbonamento annuale per i genitori con tre figli a carico. Il biglietto e tutti gli abbonamenti varranno anche sui treni di Trenord, in tutto il territorio della Citta’ metropolitana di Milano e Monza e Brianza. Il servizio di trasporti – ricorda una nota di Palazzo Marino – sarà gratuito fino ai 14 anni d’età e per gli over 65 con Isee inferiore a 16mila euro. Viaggeranno gratis anche gli animali d’affezione e le insegnanti (una ogni 10 ragazzi) che accompagnano le scolaresche in gita.

I biglietti acquistati e non utilizzati prima di lunedì 15 luglio possono essere usati fino al 12 ottobre e gli abbonamenti in corso sono fino al termine della validità. «Abbiamo realizzato una profonda riforma del sistema tariffario a favore di chi sceglie il trasporto pubblico – dichiara Marco Granelli, assessore alla Mobilita’ e Lavori pubblici – . Noi stiamo investendo sullo sviluppo della rete, anche a fronte di minori risorse da parte del Governo e della Regione, e teniamo alta la qualità del servizio. Con questa riforma, sebbene sia aumentato il costo del singolo biglietto, abbiamo tutelato di piu’ lavoratori, pendolari, famiglie, giovani e anziani rispetto a turisti e utenti occasionali. Una rete di trasporto collettivo efficiente, veloce, capillare con tariffe eque su un territorio sempre più ampio è la risposta al crescente bisogno di mobilità di cittadini e utenti e alla necessita’ di migliorare la qualità dell’aria che respiriamo».

Per quanto riguarda l’abbonamento giovani, le tariffe ridotte (mensile e annuale rispettivamente a 22 e 200 euro) restano invariate, ma sale la soglia di età per beneficiarne: passa dai 26 ai 27 anni, con un’estensione delle agevolazioni fino ai 30 con Isee sotto i 28mila euro Dedicata ai giovani anche un’altra novita’: fino ai 27 anni d’eta’, per chi e’ abbonato al trasporto pubblico, scende da 29 a 12 euro il costo dell’abbonamento al BikeMi; dai 28 anni il costo passa da 29 a 24 euro. Per tutti, a partire dall’introduzione del nuovo sistema tariffario, sara’ possibile «caricare» l’abbonamento del BikeMi sulla tessera Atm integrando completamente i due servizi. Facilitazioni sugli abbonamenti per gli over 65 con reddito Isee tra 16 e 28mila euro: il costo dell’annuale sara’ di 200 euro. Il «Senior Off Peak», poi, a parità di costo, varrà in superficie da inizio servizio (e non solo dalle 9.30), ovunque e sempre anche nel fine settimana e sara’ disponibile per tutti dai 65 anni di età e per i pensionati dai 60 anni. Viene introdotto un abbonamento annuale a 50 euro per persone con Isee inferiore ai 6mila euro, per i disoccupati con Isee inferiore ai 16.900 euro e per i detenuti in permesso lavorativo esterno al luogo di detenzione.

13 luglio 2019 | 11:57

© RIPRODUZIONE RISERVATA

social experiment by Livio Acerbo #greengroundit #corriereit https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/19_luglio_13/milano-biglietto-atm-lunedi-15-luglio-parte-nuovo-sistema-tariffario-mezzi-tutte-novita-75c6209c-a553-11e9-9045-dc8a82e7e44b.shtml

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.