Perseguita una ragazzina per anni, arrestato lo stalker dei cartoni animati

L’incubo è iniziato nel 2015 a Settala, Milano. Lei, appena 15 anni, ha incrociato per caso in strada un signore molto più grande di lei. Non poteva immaginare che da quell’istante l’uomo avrebbe cominciato a perseguitarla, appostandosi in strada per rivederla e tempestandola di messaggi sui social, firmati con i nomi di personaggi dei cartoni animati. Neppure il carcere, per tre anni, lo ha fermato: appena uscito è riapparso accanto a lei, come un fantasma, mentre era seduta a vedere una partita di basket. Ora l’uomo, Pierluigi Gaudenzi, 58 anni, è stato arrestato dai carabinieri a Settala per stalking, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare.

L’uomo, arrestato nel 2016 dopo un anno di appostamenti, messaggi sui social e richieste ossessive di appuntamenti, ha trascorso tre anni tra comunità terapeutica e carcere, ma anche dalla cella ha continuato a perseguitare la ragazzina, inviandole lettere manoscritte. È tornato libero a maggio di quest’anno e il suo primo pensiero è stato riprendere l’assedio sui social. Ogni volta che lei lo individuava e lo bloccava, lui creava nuovi profili, usando nomi di personaggi dei cartoni animati.

A ottobre un’escalation: la ragazza ha scoperto suoi bigliettini sul parabrezza dell’auto parcheggiata davanti alla chiesa. A novembre, infine, l’episodio che l’ha turbata maggiormente. La 19enne era andata a Caravaggio (Bergamo) per assistere a una partita di basket, si è seduta sugli spalti, ha sentito una mano sulla spalla e quando si è girata ha visto il suo stalker che sorrideva. Paralizzata dalla paura ha poi chiamato il padre, che è passato a prenderla. Ora per l’uomo sono scattata di nuovo le manette.

4 dicembre 2019 | 15:51

© RIPRODUZIONE RISERVATA

social experiment by Livio Acerbo #greengroundit #corriereit https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/19_dicembre_04/perseguita-ragazzina-anni-arrestato-stalker-cartoni-animati-c98dab3a-16a2-11ea-b17e-02f19725a806.shtml