Botti di Capodanno in strada, amputata la mano a due ragazzini, un giovane perde cinque dita

Due ragazzini di 13 e 14 anni, in due episodi differenti, hanno subito l’amputazione di una mano a causa delle gravi ferite riportate nell’esplosione di petardi. Un ventiquattrenne invece ha perso cinque dita.
Il primo episodio è accaduto in via Capuana, a Quarto Oggiaro, intorno alle 20,30, e ha coinvolto un tredicenne e altri due ragazzini, tutti di origine romena. Il quattordicenne invece è rimasto ferito in via De Gasperi a Cuggiono (Milano) poco prima dell’una. Nessuno dei due è in pericolo di vita.In base a quanto riferito dal 118, l’esplosione che ha causato il ferimento del ragazzino di 13 anni è avvenuta per strada. Il tredicenne, che era assieme ad altri due ragazzini romeni, ha raccolto un petardo inesploso ed è rimasto coinvolto nella potente deflagrazione. Trasportato d’urgenza all’ospedale Niguarda, ha subito l’amputazione traumatica della mano destra, e ferite al volto e alle gambe. Feriti anche i suoi due amici: un 15enne con ustioni al volto e alle mani è stato portato in codice giallo al Fatebenefratelli, ha riportato un trauma facciale giudicato guaribile in 15 giorni e un’ustione a un occhio con diminuzione della vista. Un 13enne ha invece subito piccole bruciature alla fronte.


A Cuggiono invece il ferito è un 14enne che, assieme a un coetaneo, ha raccolto un petardo inesploso con una piccola miccia rimasta incombusta, che poi gli è scoppiato in mano quando lo ha riacceso. Trasportato alla clinica Humanitas di Rozzano (Milano), ha subito la sub-amputazione della mano sinistra e bruciature alle braccia.

Un giovane di 24 anni ha perso cinque dita. Stava facendo esplodere diversi fuochi artificiali nel parcheggio della piscina in via Leonardo da Vinci a Limbiate (Monza) quando un petardo gli è esploso in mano. Il giovane è stato trasportato d’urgenza al San Gerardo di Monza. Ha subito l’amputazione di cinque dita di una mano e leggere ferite al volto. Sul posto anche i carabinieri di Limbiate che hanno sequestrato tutti i fuochi non ancora esplosi. Il
ventiquattrenne ferito aveva realizzato uno spettacolo pirotecnico con centinaia di fuochi, al momento dell’infortunio ne aveva esplosi poco più della metà.

Altri due feriti a causa dei botti si sono presentati autonomamente nella notte all’ospedale San Carlo a Milano portati da amici e parenti. Si tratta di una 24enne che presentava un’ampia ferita alla mano sinistra, che ha riportato 15 giorni di prognosi, e un bambino di 9 anni portato dal padre poco dopo mezzanotte, con una ferita alla mano destra e la frattura di alcune falangi: la prognosi è di 25 giorni.

Un altro bambino, di 4 anni e di origine egiziana, è stato medicato all’ospedale di Legnano (Milano): secondo quanto si è appreso, con degli amichetti aveva scavato una buca per metterci dentro dei petardi e lo scoppio imprevisto di uno dei fuochi mentre stava avvicinando la manina gli ha causato la frattura di un dito e ustioni. La prognosi è di 30 giorni. Un altro bambino, di 7 anni, si è ferito in via Feltrinelli, a Milano, a mezzanotte e mezza, cadendo su un petardo ma per fortuna ha riportato lievi escoriazioni e bruciature. E’ stato medicato e dimesso alla clinica De Marchi.


social experiment by Livio Acerbo #greengroundit #repubblicait https://milano.repubblica.it/cronaca/2020/01/01/news/feriti_petardi_milano-244755945/?rss