Vigili del fuoco aggrediti in via Gola a Capodanno: “Noi 5 contro 100, evitato l’effetto domino del falò”

“Abbiamo dovuto fare uno sforzo di freddezza, perché la rabbia era tanta, ma non potevamo fare nulla perché eravamo cinque persone contro un centinaio. Reagire non sarebbe servito”. Sono le parole di Francesco Murdica, caposquadra dei vigili del fuoco del distaccamento di via Darwin, che la notte di Capodanno era alla guida della squadra che ha subito l’aggressione in via Gola a Milano, dove i pompieri erano intervenuti per spegnere i roghi di spazzatura appiccati per strada. “Insulti, razzi e petardi che ci sono stati lanciati, ma il nostro intento era comunque quello di spegnere l’incendio quanto prima” ha spiegato il pompiere, ancora scosso per quello che è avvenuto. Ma soprattutto ancora incredulo per il gesto più grave compiuto dai teppisti quella notte, ovvero rubare le chiavi dell’autopompa, impedendo così di usare il mezzo e anche l’acqua per domare le fiamme: “Senza chiavi ero come un poliziotto disarmato. Non mi aspettavo un’azione del genere: in trent’anni di servizio non mi era mai successo”. “Quel falò non spento in tempi rapidi avrebbe potuto trasmettere calore ai fabbricati vicini e alle auto parcheggiate con un tragico effetto domino”, spiega Tommaso Di Lena, responsabile prevenzione incendi del Comando provinciale dei vigili del fuoco. Sulla vicenda è stata aperta un’inchiesta della procura.Milano, insulti e minacce ai vigili del fuoco: la folle notte di Capodanno in via Golain riproduzione….
social experiment by Livio Acerbo #greengroundit #repubblicait https://milano.repubblica.it/cronaca/2020/01/04/news/capodanno_milano_vigili_aggrediti_via_gola_incendio-244952936/?rss