Coronavirus, a Milano oltre 20 mila i malati “sommersi” dall’inizio dell’epidemia

I numeri colpiscono. Così come colpiscono le mappe elaborate dall’Unità di Epidemiologia dell’Ats di Milano, che disegnano una Milano da allarme rosso, in tutti i quartieri con contagi almeno tra sette e dieci ogni mille abitanti, se non con oltre 10 casi su mille persone.

Perché accanto all’epidemia ufficiale – a ieri, 22.041 contagi ufficiali (75 in più in 24 ore) a Milano provincia, di cui 9.315 (più 34 in un giorno) a Milano città – ce n’è un’altra, sommersa, fatta da migliaia di persone che dall’inizio della bomba Covid-19 a fine frebbraio sono rimaste a casa, ammalate, con i sintomi della malattia.

Ma non sono state ricoverate e per questo ancora oggi non hanno avuto, nella maggior parte dei casi, la possibilità di fare un tampone.

Tanto che non sanno neanche con precisione se sono guarite e quando potranno di nuovo uscire di casa, visto che la fine dei sintomi causati dal Sars-Cov-2 non corrisponde, necessariamente, alla fine della malattia.

Cronaca
social experiment by Livio Acerbo #greengroundit #repubblicait https://milano.repubblica.it/cronaca/2020/05/17/news/oltre_20_mila_i_malati_sommersi_dall_inizio_dell_epidemia-256891011/?rss