Aperti ad agosto, brindisi tra rivali: la strana estate dei bar del calcio

Fischio d’inizio e il campionato riparte. Un momento atteso non solo dai tifosi e dalle squadre ma anche da bar e pub. A San Siro si gioca a porte chiuse, ma a fare il tutto esaurito sono i locali che offrono l’opportunità di guardare la partita. «Non vedevamo l’ora che ricominciasse lo sport — dice Alfredo Pirovano, titolare del Carlsberg Ol in Moscova —. Con le partite il flusso di clienti è aumentato rispetto ai primi giorni di riapertura». Durante le semifinali di Coppa Italia il ristorante ha occupato tutti i coperti disponibili. «Grazie alle partite e al giardino stiamo andando bene. Per Lecce-Milan sono stati prenotati quasi tutti i posti all’aperto. All’interno è più difficile perché la gente ha ancora timore», racconta Pirovano.

Tra il campionato italiano, quelli esteri e le coppe europee l’estate sarà ricca di appuntamenti: per i bar sportivi significa lavorare tutte le sere, un’opportunità per aumentare gli incassi in un momento non facile dopo tre mesi di lockdown. «Di solito l’estate si lavora meno perché le persone vanno in vacanza, non c’è il calcio e perché il pub è visto come un luogo “invernale” — racconta Silvio Losapio, titolare di The friends pub in zona Repubblica —. La ripartenza del campionato ci ha salvato, durante quelle sere siamo riusciti a riempire il locale».

Per incentivare i clienti a tornare al bar, Losapio ha pensato di creare una promozione legata alle partite. Si chiama «Birretta gol» e il pub offre una birra a tutti ogni volta che una squadra segna. «L’idea nasce dal voler far tornare le persone ma anche dalla volontà di ringraziarle. È divertente vedere brindare anche i tifosi della squadra avversaria».

Quest’anno molti esercizi saranno aperti anche ad agosto. La maggior parte dei pub può contare su una clientela affezionata che si ritrova a ogni partita. Ma con gli stadi chiusi e le competizioni non trasmesse in chiaro, i locali hanno anche nuovi frequentatori che cercano un posto per condividere le emozioni dello sport. Spiega Matteo Serafini di Mind the gap, vicino Porta Romana: «Abbiamo una clientela fidelizzata perché il nostro core business sono sempre state le partite». E infatti il locale ha riaperto proprio per la ripartenza del calcio. «Per le norme di sicurezza — conclude — abbiamo perso circa il 60% dei coperti e ora per bisogna prenotare in anticipo. Speriamo di riuscire a tenere in piedi il gioco».

22 giugno 2020 | 22:06

© RIPRODUZIONE RISERVATA

social experiment by Livio Acerbo #greengroundit #corriereit https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/20_giugno_22/aperti-ad-agosto-brindisi-rivali-strana-estate-bar-calcio-433f37dc-b4c3-11ea-b466-221e2b27ce86.shtml