Consenso popolare, budget e impianti: così Milano e Cortina staccano Stoccolma

La prima manche se l’aggiudica il duo Milano-Cortina. Il distacco delle rivali svedesi – almeno a guardare i voti della giuria dei commissari Cio – appare netto. Il rapporto dei tecnici, dopo i sopralluoghi nei due Paesi e l’analisi dei dossier , promuove entrambe le candidature ai Giochi invernali del 2026. La corsa della coppia nordica Stoccolma-Aare mostra però più d’una crepa. La pubblicazione delle valutazioni strappa allora un sorriso di soddisfazione nel team italiano. Ma l’ordine è: restare calmi. Manca ancora l’ultimo capitolo: un mese d’intenso lavoro separa dall’appuntamento decisivo a Losanna, il 24 giugno. Là la partita sarà giocata anche (se non soprattutto) su diplomazia ed equilibri politici. E la beffa dell’Ema, l’agenzia europea del farmaco dirottata all’ultimo secondo in direzione Amsterdam nonostante la proposta milanese fosse tecnicamente più forte, brucia ancora.
Il report è un semaforo verde [...]  read more

Immaginiamo un luogo diverso dove raccontare le storie di Milano

Vogliamo chiedere ai nostri cari lettori un piccolo aiuto. Vi chiediamo di rispondere — lo si può fare per mail rivolgendosi a postacelere.mi@repubblica.it — a una domanda: non vi sembra che manchi a Milano un museo sulla Storia di Milano? Un museo sull’identità di questa antica, internazionale, solida onnipoli, la città dove c’è tutto? La questione nasce dallo scontro, sorprendente e inaudito, sul museo della Resistenza. Precisiamo subito che per parlare dei torti e delle ragioni tra Anpi e sostenitori del museo non abbiamo titoli, anche se da tempo, anche attraverso Postacelere, abbiamo registrato sul tema segnali diciamo di nervosismo, sfociati nella polemica di ieri.Non abbiamo nemmeno titoli per accendere una discussione sui motivi per i quali a sinistra, intorno ai temi della cultura, sia più facile trovare divisioni che aggregazioni: forse gli ideali sono ancora molto forti e radicati e su alcuni temi il “no pasaràn” è collettivo, [...]  read more

Milano sfila per il clima. Al «Fridays for Future» 30 mila giovani in marcia

Al mattino gli studenti, al pomeriggio la città. Tutti in marcia per il clima. Venerdì la giornata di mobilitazione è iniziata con i ragazzi di «Fridays for Future» che sono tornati, dopo la grande manifestazione del 15 marzo, a occupare le strade di Milano con la loro battaglia per chiedere interventi contro il cambiamento climatico in occasione del secondo «Global Strike» per il futuro. Oltre 30 mila studenti di tutte le età, dai piccoli delle scuole elementari accompagnati dai genitori ai liceali, hanno sfilato scandendo slogan come «Ci avete rotto i polmoni» o «There’s no planet B» lungo le vie della città nel corteo, partito da piazza Cairoli verso in piazza Duca d’Aosta. Simbolo della protesta la giovane Greta Thunberg ,che ha riportato all’attenzione del pubblico la tematica ambientale. Mentre le critiche vengono rivolte soprattutto ai politici e in particolare Salvini, Bolsonaro e Trump accusati di essere «negazionisti della rovina climatica».

shadow carousel
Milano in marcia per il clima
Gli striscioni

Nel [...]  read more

Milano invasa dagli studenti, in corteo per salvare l’ambiente

Centinaia di cartelli coloratissimi e una folla di ragazzi e bambini. Il loro urlo: “Se non cambierà bloccheremo la città”. E’ partito così da largo Cairoli il secondo Global Strike intitolato: “Non bruciate il nostro futuro”, lo sciopero a difesa dell’ambiente che segue l’appello di Greta Thunberg e che vuole doppiare l’appuntamento, partecipatissimo, del 15 marzo quando in piazza a Milano scesero oltre 100mila studenti. In tanti sono arrivati anche dall’hinterland, i più piccoli sono accompagnati dai genitori.Global Strike a Milano, il corteo degli studenti [...]  read more

Da 20 milioni a 200 mila euro: va all’asta Venere, la prima e unica limousine elettrica

La prima (e unica) limousine elettrica esistente, Venere — Dna imparentato con Renzo Piano e costo di progettazione da 20 milioni di euro — è arrivata al deposito dell’Istituto vendite giudiziarie del Tribunale. A breve andrà all’incanto partendo da un prezzo base intorno ai 200 mila euro, secondo le prime indicazioni del perito. Una chicca per collezionisti e intenditori. E anche per la Sivag, società che gestisce le vendite da fallimenti, che negli ultimi tempi ha già ceduto all’asta per centinaia di migliaia di euro la Aston Martin del film di James Bond, la Bat mobile usata nella serie tv andata in onda tra il 1966 e il 1968 e persino un jet da 80 posti che aveva trasportato sultani ed era parcheggiato a Linate.

Quanto alla Venere, il prototipo aveva fatto ingresso l’anno scorso al salone di Ginevra, attesissima: cinque metri di lunghezza, quattro motori elettrici, batterie agli ioni di litio, telaio in carbonio, velocità massima [...]  read more

“L’ho picchiato, non credevo che l’avrei ucciso”: interrogato in carcere il padre del bambino ucciso a botte a Milano

“L’ho picchiato, poi l’ho visto morto, non credevo che l’avrei ucciso”: queste le parole davanti al pm Giovanna Cavalleri di Aliza Hrustic, il 25enne di origini croate arrestato ieri per l’omicidio di suo figlio Mehmed di 2 anni e 5 mesi: durante l’interrogatorio in carcere l’uomo ha ammesso di avere preso a botte il piccolo, dopo aver confessato anche ieri davanti agli investigatori di averlo fatto di notte, mentre il bambino dormiva.“Adesso riposa in pace piccolo Mehmed”: cuori e peluche per il bambino ucciso [...]  read more

Pavia, studente di 15 anni picchiato da un bullo in classe: rischia di perdere un occhio

Da quando lunedì mattina è stato picchiato dal compagno di classe, non ci vede più da un occhio. La sua retina, come refertato dai medici del pronto soccorso del San Matteo di Pavia, ha subito un danno: la speranza è che possa migliorare nel giro di quattro settimane, secondo le più rosee previsioni. Il grave episodio di bullismo è avvenuto in una classe dell’Itis Cardano di Pavia, dove durante l’ora di Lettere uno studente di 15 anni che frequenta il secondo anno dell’istituto tecnico è stato insultato e poi preso a botte da un compagno.

«Ha riportato anche un serio trauma cranico – spiegano i genitori del ragazzo, che giovedì mattina hanno deciso di presentare denuncia ai carabinieri -. Prese in giro e umiliazioni andavano avanti da tempo». Stando al racconto del ragazzo, visitato in ospedale e poi dimesso con una prognosi di 20 giorni, il compagno gli avrebbe afferrato la testa e gliel’avrebbe sbattuta più volte sul banco.

La [...]  read more

Milano, le scuderie liberty diventano terme nella città di dopodomani: i progetti premiati a Oslo

Il primo pozzo esplorativo è stato scavato nel 2007. Giù fino a 290 metri di profondità, con la sorpresa di trovare lì acqua sulfurea. Dodici anni dopo, grazie al bando internazionale Reinventing Cities, che vede Milano partecipare al pari di altre grandi città come Oslo e Madrid, Chicago e Parigi, ecco che quello che sembrava solo un sogno inizia a diventare realtà. E che lì, in zona San Siro, dove un tempo correvano i cavalli nelle scuderie volute da Giuseppe de Montel nel 1915, adesso sorgerà un impianto che permetterà non solo di regalare a Milano delle terme nuove di zecca. Ma anche di ridurre l’impatto del Co2 e di recuperare un gioiello liberty che da anni attende una riqualificazione.Quartieri sostenibili, [...]  read more