Milano, appello di destra e Lega: «Autorizzare il corteo per Ramelli»

Oltre 60 tra parlamentari, eurodeputati e consiglieri regionali, comunali e municipali dei partiti dell’area della destra hanno firmato un appello al prefetto, al questore e al sindaco di Milano perché «non si vieti con motivazioni prive di reale necessità» il corteo per Sergio Ramelli, morto a 18 anni il 29 aprile 1975, dopo che il 13 marzo era stato aggredito a colpi di chiave inglese da militanti di Avanguardia Operaia. I firmatari, tra cui i vicepresidenti di Camera e Senato Fabio Rampelli (FdI) e Ignazio La Russa (FdI), e i leghisti Alessandro Morelli e Igor Iezzi, appoggiano la richiesta avanzata da un comitato di promotori, che, si spiega nell’appello, «intende rendere onore a un giovane di 18 anni la cui sola colpa, come accertato dalla giustizia italiana, di avere aderito al Fronte della Gioventù».

«Mai procurato incidenti»

A promuovere il corteo-fiaccolata sono CasaPound Italia, Forza Nuova e Lealtà Azione, che nella lettera inviata a prefetto, questore e sindaco [...]  read more

I prigionieri della notte e l’alba della Pasqua, la poesia dell’arcivescovo Mario Delpini

Giovedì pomeriggio in Duomo il rito della Lavanda dei piedi e la santa messa in Coena Domini che ricorda l’istituzione dell’eucarestia da parte di Gesù nell’Ultima cena. Venerdì, alle 17.30, la celebrazione della Passione del Signore. Sabato alle 21, sempre in Duomo, la veglia di Risurrezione presieduta dall’arcivescovo Mario Delpini. Alle ore 11 di domenica, infine, il solenne pontificale di Pasqua. In chiusura della settimana santa, domenica a pranzo, monsignor Delpini siederà alla mensa dell’Opera Cardinal Ferrari con 300 uomini e donne in difficoltà. In questa pagina pubblichiamo la poesia scritta dall’arcivescovo Mario Delpini per i lettori del Corriere .

I prigionieri della notte hanno le loro perentorie sicurezze
e confini certi per le loro aspettative,
orari definiti per l’ebbrezza
e l’esito inevitabile della disperazione:
li trattiene la notte.
I figli della luce e figli del giorno si inoltrano in percorsi inesplorati
volgono
 [...]  read more

Direttiva anti degrado, Sala attacca Salvini: «Sindaci distratti? Chieda scusa»

«Devo confessare che guardo con poco interesse all’ennesimo decreto del ministero dell’Interno. Nel merito, mi sembra essere tra l’inutile e l’autolesionista». Così il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha commentato sulla sua pagina Facebook la direttiva anti degrado urbano del ministero, che dà ai prefetti il potere di sostituirsi ai sindaci per intervenire più efficacemente nelle zone delle città più a rischio sicurezza. «Perché oggi sindaci e prefetti, come avviene per esempio a Milano, collaborano già benissimo senza bisogno di indicazioni dall’alto», ha aggiunto Sala.

«Arroganza salviniana»

A irritare Sala in particolare questa frase di Salvini: «In caso di sindaci distratti c’è sempre il supporto dei prefetti». «Quello che mi incuriosisce è capire se l’arroganza salviniana avrà o meno un limite», ribatte Sala. «`Distratto´, come definisce un sindaco che non fa quello che vuole lui, è un aggettivo fuori luogo. Gli consiglierei di chiedere scusa [...]  read more

Milano, ecco il nuovo Palalido: a giugno il debutto con il volley

Si concluderanno entro il 30 aprile i lavori di ristrutturazione del Palalido di Milano. Il nuovo palazzetto polifunzionale della città aprirà le porte per la prima competizione il 21, 22 e 23 giugno in occasione della Volleyball Nations League. A raccontare i dettagli dell’impianto sportivo, che tornerà a disposizione dei milanesi dopo anni di lavori e stop a causa dell’amianto e per i problemi delle aziende che avevano vinto l’appalto, è stata l’assessore allo Sport del Comune, Roberta Guaineri, nel corso di un sopralluogo con la stampa. La struttura sarà inaugurata a metà giugno, ma la data esatta è ancora da stabilirsi.

shadow carousel
Dentro il nuovo Palalido: completati i lavori
Cinquemila posti

«È stato un percorso lungo e sofferto, ma siamo contenti che i milanesi e non solo potranno vivere lo sport in centro a Milano – ha detto Guaineri. Ci sono tante richieste per l’utilizzo da parte di federazioni sportive e poi per la prossima stagione penseremo anche all’intrattenimento». [...]  read more

Sedicenne disabile massacrato per uno sguardo «sbagliato», arrestato il bullo ventenne

«Cosa guardi?». Il ragazzino disabile psichico, seduto sulla panchina ad ascoltare musica, fissava il vuoto. Impossibile dire cos’abbia visto in quello sguardo il bullo ventenne che in quel momento ballava insieme con la sua compagnia: sta di fatto che senza preavviso si è lanciato addosso al 16enne e gli ha massacrato la faccia a furia di calci, inseguendolo anche dopo che aveva cercato di fuggire. Il ventenne, con un precedente simile, è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di lesioni gravissime.

L’aggressione è avvenuta il 27 marzo scorso all’interno del parco Nord di Milano. «Il presunto movente di questa brutale aggressione sarebbe uno sguardo “sbagliato” da parte del 16enne al gruppo del 20enne – ha spiegato il comandante della compagnia di Milano Porta Monforte, Silvio Maria Ponzio -. In realtà si tratta di un futile e gratuito motivo poiché il 16enne era seduto su una panchina ad ascoltare la musica con le [...]  read more

Milano, bimbo di 3 anni si perde in piazza Duomo: i vigili lo ritrovano

Un bimbo di 3 anni si è perso in zona Duomo, ma è stato prontamente trovato dalla polizia locale di Milano, che ha rintracciato la famiglia. Martedì pomeriggio il piccolo, di origine cinese, si trovava in centro insieme alla tata che, secondo la prima ricostruzione, lo avrebbe smarrito mentre giocavano insieme sul sagrato. Sono stati due passanti a trovare il bambino, che piangeva disperato, e ad avvisare i vigili.

L’arrivo dei genitori

Gli agenti si sono presi cura di lui fino all’arrivo dei genitori. In particolare è stato calmato da un agente che, dopo averlo preso in braccio, è riuscito a farlo addormentare. La baby sitter, anche lei cinese, dopo 40 minuti dalla scomparsa si è presentata alla polizia locale insieme a una commessa di un negozio, connazionale, che ha aiutato nella traduzione: la donna, infatti, non parla italiano. Nel frattempo mamma e papà hanno raggiunto gli agenti e hanno potuto riabbracciare il figlioletto.

17 aprile 2019 | 12:46

© RIPRODUZIONE RISERVATA

social experiment by Livio Acerbo #greengroundit [...]  read more

Delpini: «L’incendio di Notre Dame è un lutto per tutti: ferito un simbolo»

«Un simbolo che brucia è un lutto per tutti: questo rogo ha colpito un simbolo religioso, della storia, il luogo di convergenza di una civiltà. È una ferita comune per tutta l’Europa». Così l’arcivescovo di Milano, Mario Delpini, ha espresso il proprio dolore per l’incendio della cattedrale di Notre Dame a Parigi. «Sto pensando a come esprimere la solidarietà alla Chiesa francese e alla città di Parigi — ha aggiunto monsignor Delpini — . «Una solidarietà che guarda al futuro e che spera di avere Notre Dame come luogo di preghiera». Per il rogo della cattedrale di Parigi, «non solo i cattolici piangono» — ha sottolineato —. È uno spettacolo impressionante, che ha intaccato un’immagine in cui tutti si riconoscono e che tutti riconoscono essere un patrimonio condiviso. Per questo siamo tutti addolorati e impressionati e col cuore sospeso, perché è un luogo che rappresenta la civiltà di cui facciamo parte».

16 aprile 2019 | 13:04

© RIPRODUZIONE RISERVATA

social experiment by [...]  read more

Bosco in fiamme dopo il barbecue: multa di 13 milioni per due 20enni

La Procura di Como ha chiuso le indagini sull’incendio scoppiato il 30 dicembre scorso sui monti di Sorico e ha notificato l’avviso ai due presunti responsabili, studenti ventenni accusati di incendio boschivo colposo in concorso. Da capogiro la sanzione amministrativa prevista, oltre 13,5 milioni di euro. L’importo della multa è calcolato in base a precise tabelle legate ai metri quadrati di bosco andati in fumo e agli altri danni causati dal rogo. Le tariffe prevedono una somma tra 118 e 593 euro ogni cento metri quadrati e la sanzione sarebbe potuta arrivare fino a circa 40 milioni di euro. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri del nucleo forestale di Como, i due ragazzi, uno dei quali nipote del proprietario di una baita nella zona in cui è scoppiato l’incendio, [...]  read more

Ruby ter sospeso per Berlusconi candidato alle elezioni europee. Polanco: «Ora dirò la verità»

«Può darsi che la mia versione davanti ai giudici sarà diversa rispetto a quella del processo Ruby bis, ho deciso di dire le cose come stanno, adesso mi sento una donna con dei figli e voglio dire la verità». Lo ha detto ai cronisti Marysthell Polanco, una delle giovani ospiti alle serate ad Arcore, in una pausa dell’udienza del processo Ruby ter, dove è imputata per corruzione in atti giudiziari e falsa testimonianza assieme a Silvio Berlusconi e ad altri 26 imputati. «Magari la mia posizione non è tanto diversa da quella di Imane Fadil», ha aggiunto. Intanto, il tribunale di Milano ha deciso di accogliere la richiesta della difesa di Berlusconi «di rinvio» del processo legata alla campagna elettorale per le europee per le quali il leader di Forza Italia è candidato. Riprenderà il prossimo 10 giugno.

Polanco nelle scorse settimane è stata ascoltata anche nell’ambito dell’inchiesta sulla misteriosa morte di Imane Fadil, una delle [...]  read more

Immigrazione, Matteo Salvini: «Sono di nuovo indagato a Siracusa per sequestro di persona, ma i porti restano chiusi»

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini è nuovamente indagato per sequestro di persona dalla procura di Siracusa, per la vicenda della nave Sea Watch. Lo ha annunciato lui stesso da Monza, durante una conferenza stampa in prefettura. «Sono stato iscritto a giudizio per un altro reato, un altro sequestro di persona che avrei commesso dal 24 al 30 gennaio 2019 a Siracusa. Il procuratore Carmelo Zuccaro mi comunica questa cosa. Ha chiesto l’archiviazione ma anche l’altra volta era andata così. Sono nuovamente indagato ma finché faccio il ministro dell’Interno, i colleghi ministri possono dire quello che vogliono, anzi approfitto per rispondere a qualche ministro: per me i porti restano e resteranno chiusi. Possono aprire altri 18 procedimenti penali nei miei confronti, non cambio idea e non cambio atteggiamento», ha aggiunto Salvini.

Replica a Di Maio

«Rispetto il lavoro del collega Di Maio che si occupa di lavoro, ma sui temi di controllo dei confini e di criminalità [...]  read more