Milano, in bicicletta per #FridaysForFuture contro i cambiamenti climatici

Milano, in bicicletta per #FridaysForFuture contro i cambiamenti climatici – 1 di 1 – Milano – Repubblica.it

Una manifestazione in bicicletta per le vie del centro di Milano organizzata in occasione dell’arrivo in Italia di Greta Thunberg e per il #FridaysForFuture del 19 aprile. Per continuare il percorso da lei inaugurato e verso il secondo Sciopero Mondiale per il Futuro in programma il 24 maggio, data in cui l’intero mondo si mobiliterà. Oggi anche Milano ha scioperato in bici per lo sviluppo sostenibile e contro i cambiamenti climatici. 19 aprile 2019 Seguici su Facebook per essere sempre aggiornato sulle ultime notizie dalla città e dalla regione


social experiment by Livio Acerbo #greengroundit #repubblicait https://milano.repubblica.it/cronaca/2019/04/19/foto/milano_biciclettata_fridaysforfuture-224455196/1/?rss

Milano, appello di destra e Lega: «Autorizzare il corteo per Ramelli»

Oltre 60 tra parlamentari, eurodeputati e consiglieri regionali, comunali e municipali dei partiti dell’area della destra hanno firmato un appello al prefetto, al questore e al sindaco di Milano perché «non si vieti con motivazioni prive di reale necessità» il corteo per Sergio Ramelli, morto a 18 anni il 29 aprile 1975, dopo che il 13 marzo era stato aggredito a colpi di chiave inglese da militanti di Avanguardia Operaia. I firmatari, tra cui i vicepresidenti di Camera e Senato Fabio Rampelli (FdI) e Ignazio La Russa (FdI), e i leghisti Alessandro Morelli e Igor Iezzi, appoggiano la richiesta avanzata da un comitato di promotori, che, si spiega nell’appello, «intende rendere onore a un giovane di 18 anni la cui sola colpa, come accertato dalla giustizia italiana, di avere aderito al Fronte della Gioventù».

«Mai procurato incidenti»

A promuovere il corteo-fiaccolata sono CasaPound Italia, Forza Nuova e Lealtà Azione, che nella lettera inviata a prefetto, questore e sindaco [...]  read more

Fabrizio Corona resta in carcere, dovrà scontare di nuovo i cinque mesi di condanna

Fabrizio Corona deve restare in carcere e deve scontare nuovamente i 5 mesi trascorsi in affidamento terapeutico che non sono stati ritenuti validi. Lo ha deciso il tribunale di sorveglianza di Milano revocando l’affidamento terapeutico per l’ex agente fotografico, tornato in carcere il 25 marzo scorso, e accogliendo la richiesta dell’avvocato generale Nunzia Gatto, numero due della Procura generale milanese. Nell’udienza di martedì scorso davanti ai giudici (presidente Gorra, relatore Rossi), la Procura generale aveva chiesto che all’ex ‘re dei paparazzi’ venisse definitivamente revocato l’affidamento per curarsi dalla dipendenza dalla cocaina che gli era stato concesso nel febbraio 2018 e che poi è stato sospeso lo scorso 25 marzo, quando l’ex agente fotografico [...]  read more

I prigionieri della notte e l’alba della Pasqua, la poesia dell’arcivescovo Mario Delpini

Giovedì pomeriggio in Duomo il rito della Lavanda dei piedi e la santa messa in Coena Domini che ricorda l’istituzione dell’eucarestia da parte di Gesù nell’Ultima cena. Venerdì, alle 17.30, la celebrazione della Passione del Signore. Sabato alle 21, sempre in Duomo, la veglia di Risurrezione presieduta dall’arcivescovo Mario Delpini. Alle ore 11 di domenica, infine, il solenne pontificale di Pasqua. In chiusura della settimana santa, domenica a pranzo, monsignor Delpini siederà alla mensa dell’Opera Cardinal Ferrari con 300 uomini e donne in difficoltà. In questa pagina pubblichiamo la poesia scritta dall’arcivescovo Mario Delpini per i lettori del Corriere .

I prigionieri della notte hanno le loro perentorie sicurezze
e confini certi per le loro aspettative,
orari definiti per l’ebbrezza
e l’esito inevitabile della disperazione:
li trattiene la notte.
I figli della luce e figli del giorno si inoltrano in percorsi inesplorati
volgono
 [...]  read more

Direttiva anti degrado, Sala attacca Salvini: «Sindaci distratti? Chieda scusa»

«Devo confessare che guardo con poco interesse all’ennesimo decreto del ministero dell’Interno. Nel merito, mi sembra essere tra l’inutile e l’autolesionista». Così il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha commentato sulla sua pagina Facebook la direttiva anti degrado urbano del ministero, che dà ai prefetti il potere di sostituirsi ai sindaci per intervenire più efficacemente nelle zone delle città più a rischio sicurezza. «Perché oggi sindaci e prefetti, come avviene per esempio a Milano, collaborano già benissimo senza bisogno di indicazioni dall’alto», ha aggiunto Sala.

«Arroganza salviniana»

A irritare Sala in particolare questa frase di Salvini: «In caso di sindaci distratti c’è sempre il supporto dei prefetti». «Quello che mi incuriosisce è capire se l’arroganza salviniana avrà o meno un limite», ribatte Sala. «`Distratto´, come definisce un sindaco che non fa quello che vuole lui, è un aggettivo fuori luogo. Gli consiglierei di chiedere scusa [...]  read more

Milano: Sala boccia il decreto sicurezza e antidegrado di Salvini. “Inutile e autolesionista”

Nuovo scontro fra il sindaco Giuseppe Sala e il ministro degli Interni Matteo Salvini. Questa mattina il sindaco di Milano ha tuonato contro il decreto “anti degrado urbano” appena varato dal governo. “Devo confessare che guardo con poco interesse all’ennesimo decreto del ministero dell’Interno. Nel merito, mi sembra essere tra l’inutile e l’autolesionista, perché oggi Sindaci e Prefetti, come avviene per esempio a Milano, collaborano già benissimo senza bisogno di indicazioni dall’alto – scrive Sala in un post su Facebook -. Quello che mi incuriosisce è capire se l’arroganza salviniana avrà o meno un limite”.Circolare prefetti, Sala a Salvini: “Se vuole essere un grande statista ascolti i sindaci”in riproduzione…. [...]  read more

Milano, ecco il nuovo Palalido: a giugno il debutto con il volley

Si concluderanno entro il 30 aprile i lavori di ristrutturazione del Palalido di Milano. Il nuovo palazzetto polifunzionale della città aprirà le porte per la prima competizione il 21, 22 e 23 giugno in occasione della Volleyball Nations League. A raccontare i dettagli dell’impianto sportivo, che tornerà a disposizione dei milanesi dopo anni di lavori e stop a causa dell’amianto e per i problemi delle aziende che avevano vinto l’appalto, è stata l’assessore allo Sport del Comune, Roberta Guaineri, nel corso di un sopralluogo con la stampa. La struttura sarà inaugurata a metà giugno, ma la data esatta è ancora da stabilirsi.

shadow carousel
Dentro il nuovo Palalido: completati i lavori
Cinquemila posti

«È stato un percorso lungo e sofferto, ma siamo contenti che i milanesi e non solo potranno vivere lo sport in centro a Milano – ha detto Guaineri. Ci sono tante richieste per l’utilizzo da parte di federazioni sportive e poi per la prossima stagione penseremo anche all’intrattenimento». [...]  read more

Smog: Milano resta inquinata, fa peggio solo Torino

Milano e Torino sono in testa alla classifica delle città italiane che nel 2018 hanno superato i limiti giornalieri delle polveri sottili. Per le concentrazioni di PM10, la maglia nera va a Torino che nel 2018 svetta al primo posto della classifica con 89 giorni di sforamenti. Il superamento dei limiti giornalieri non dovrebbe andare oltre i 35 giorni all’anno. Al secondo posto si piazza Milano con 79 giorni, a seguire Venezia con 63 giorni, Napoli (40 giorni) e Cagliari (49 giorni). L’Italia, per il continuo superamento dei limiti normativi di PM10, è stata deferita alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea per non aver preso misure adeguate per contrastare l’inquinamento dell’aria. Lo rileva il rapporto MobilitAria 2019, realizzato da Kyoto Club, istituto atmosferico del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Iia), in collaborazione con Opmus Isfort, su 14 città e aree metropolitane italiane nel periodo 2017-2018.
 [...]  read more

Sedicenne disabile massacrato per uno sguardo «sbagliato», arrestato il bullo ventenne

«Cosa guardi?». Il ragazzino disabile psichico, seduto sulla panchina ad ascoltare musica, fissava il vuoto. Impossibile dire cos’abbia visto in quello sguardo il bullo ventenne che in quel momento ballava insieme con la sua compagnia: sta di fatto che senza preavviso si è lanciato addosso al 16enne e gli ha massacrato la faccia a furia di calci, inseguendolo anche dopo che aveva cercato di fuggire. Il ventenne, con un precedente simile, è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di lesioni gravissime.

L’aggressione è avvenuta il 27 marzo scorso all’interno del parco Nord di Milano. «Il presunto movente di questa brutale aggressione sarebbe uno sguardo “sbagliato” da parte del 16enne al gruppo del 20enne – ha spiegato il comandante della compagnia di Milano Porta Monforte, Silvio Maria Ponzio -. In realtà si tratta di un futile e gratuito motivo poiché il 16enne era seduto su una panchina ad ascoltare la musica con le [...]  read more